Il raccogliStorie

Questo spazio è per te, per dare voce al tuo vissuto in ospedale, o lasciarti ispirare dai dipinti del progetto Opere in Parole. Raccontaci la tua storia per condividerla con tante altre persone e rendere l’ospedale sempre più casa.

Lascia qui la tua storia

Nome: *

E-mail: *

Indica con una crocetta se:

sei un pazientesei un parente/caregiverlavori qui

La tua storia: *

Accetta la Privacy Policy: *

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato

È possibile che il tuo contributo sia visibile nel raccogliStorie solo dopo essere stato revisionato.

Ci riserviamo il diritto di modificare, cancellare o non pubblicare i contributi

Le nostre storie

Maria Savoldi, Coordinatore Infermieristico A2 Humanitas Gavazzeni

21.09.2020

Un progetto per parlare con i pazienti e con i colleghi del lato umano della vita e non solo di problematiche cliniche.

Condividi

Antonella Niglio, Società di Pulizie in ospedale

18.09.2020

Queste immagini ravvivano la degenza visto che siamo un ospedale. Questo spartito in particolare sarà gradito moltissimo a chi conosce la musica, magari proverà anche ad eseguirla mentalmente. Credo che sia più importante che questa arte sia nei reparti oltre che nelle parti comuni, perché qui le persone hanno più bisogno di bellezza.

Condividi

Pino, paziente B2 Humanitas Gavazzeni

15.09.2020

Più bello è l’ambiente, meglio si affronta la malattia. Guardando queste immagini mi sento più libero.

Condividi

Sig.ra Annamaria, Caregiver Humanitas Castelli

10.09.2020

I nonni sono una figura importantissima nella nostra società. Bravi quindi ad aver scelto di affiggere anche questo dipinto in cui si vede la bella relazione che passa tra nonno e nipote. Io sto viziando più i nipoti di quanto avevo fatto con i miei figli.  Passare nel corridoio ora e vedere questa bellissima scena di amore in un ospedale è stupendo. Basta guardare un del dipinto per stare bene.

Condividi